Val D'Arda

Visitando la Val D’Arda.
La Val d’Arda è un’ampia area della Provincia di Piacenza al confine con Parma. Si estende dal torrente Chero allo Stirone.
Val_darda_cartina
L’itinerario proposto, per semplicità, parte da Castelvetro Piacentino vicino al fiume Po verso la provincia di Cremona.
Sulle rive del Po, nei pressi di Castelvetro, a Croce Santo Spirito, nel 1878 veniva ritrovato l’unico reperto originale di epoca romana del noto boccale d’argento il “gutturnium”.

Da Castelvetro a Fiorenzuola e quindi ad Alseno il tragitto di pianura è comodo e breve.
Da Alseno si punta a Bacedasco Alto; dopo avere oltrepassato le terme e il campo da golf in località Paolini, si incontrano le prime colline ammantate di viti. Tutt’intorno ci sono diverse aziende vitivinicole a conduzione familiare.

Salendo la strada fino a Bacedasco Alto si raggiunge poi Castell’Arquato, sul fiume Arda. Nell’antico borgo è fondamentale una visita per le belle costruzioni medievali e la bellissima architettura della basilica romanica. Alle spalle del borgo, in posizione panoramica, sul crinale di collina si notano diverse aziende vitivinicole.
Merita una visita il borgo di Vigoleno, dove i piccoli viticoltori della zona amano produrre un Vinsanto invecchiato per 6/7 anni.

Lasciandosi alle spalle Castell’Arquato, lungo la strada che ridiscende le colline verso Piacenza si incontrano altre aziende vitivinicole. Tutta la zona è nota soprattutto per il vino bianco D.O.C. Monterosso val D’Arda, per il Gutturnio, la Malvasia e l’Ortrugo.

A sinistra si può fare una visita a Vigolo Marchese dove c’è una ben conservata Basilica Romanica. Il paese di Diolo è noto per le sue uve bianche. 
Anche le colline di Carpaneto sono ammantate di vigneti con diversi castelli sparsi e alcuni punti di ristoro. Qui l’ospitalità è quelle riconosciuta agli emiliani, aperta e sincera, schietta e vivace come sono tutti i vini D.O.C. Colli Piacentini.

Ogni produttore che si incontra fonde il proprio spirito nel vino per come lo produce, per come lo propone: fatto di sacrifici nella vigna, di investimenti in cantina per offrire al consumatore ogni attenzione e il miglior prodotto.
Anche questo itinerario di 90 chilometri complessivi, che si può concludere con una visita al centro storico di piacenza, può essere compiuto in una giornata.

Questo itinerario di 90 chilometri complessivi, che si può concludere con una visita al centro storico di Piacenza, richiede una sola giornata di visita.